Cause principali di vomito nei bambini

Le cause più comuni

Se il bambino ha  vomito  e febbre: è più probabile che sia dovuto ad un’infezione batterica o virale. Tutte le infezioni nei bambini possono essere accompagnate da vomito. Di seguito le cause più comuni di vomito nei bambini

 

La gastro-gastroenterite virale:  si presenta spesso sotto forma d’un’epidemia al nido o nella scuola. Queste sono malattie altamente contagiose, il rotavirus  è uno dei germi principali responsabili. La contaminazione è di solito fatta attraverso una persona che non ha lavato le mani abbastanza bene dopo essere stata in bagno. La malattia combina febbre, diarrea grave e vomito che spesso impedisce qualsiasi dieta. Il rischio di disidratazione è importante nei neonati (bambini sotto i due anni di età).

 

Infezioni da ORL: l’esame dell’orecchio deve essere sistematico in ogni bambino che vomita e ha la febbre, non è raro per un mal d’orecchio sia causato da otite. Un’angina o un rinoceronte-faringite può essere accompagnata da vomito.

 

La meningite è una diagnosi da evocare sistematicamente in esame a causa della severità potenziale. Combina febbre alta, vomito, mal di testa e torcicollo.

 

Infezioni del tratto urinario sono comuni nella bambina e non è raro per loro di manifestarsi solo attraverso episodi di febbre con vomito.

 

L’appendicite acuta manifesta con febbre a 38-38,5 ° C, dolore nell’addome più basso alla destra ed eventualmente vomitare. A volte è una diagnosi difficile nel bambino. Un esame del sangue può aiutare con la diagnosi, ma non permette di affermare con certezza.

 

Se il bambino non ha la febbre

 

Una causa chirurgica è possibile. In questo caso, un  ultrasuono ai raggi X, o uno scanner addominale sono spesso utili per guidare la diagnosi.

L’occlusione intestinale è il risultato di un “bloccaggio” del tratto digestivo; È manifestato da un arresto della materia fecale e dei gas e dal vomito. Se l’occlusione si presenta all’estremità del tratto digestivo (colon, retto), il vomito può comparire in un secondo momento. D’altra parte, se l’occlusione è situata allo stomaco o all’inizio dell’intestino, il vomito allora arriva quasi subito. Le due cause principali dell’occlusione intestinale nei bambini e neonati sono:

 

Il invaginazione intestinale acuto che corrisponde alla penetrazione di un segmento intestinale nello stesso intestino: si manifesta in dolori addominali, vomito e feci a volte sanguinosi.

 

l’occlusione intestinale avviene nei bambini che sono già stati operati . A seguito di questa operazione, non è raro vedere piccole anomalie (aderenze)  comparire nell’addome e causare occlusioni.

 

Una causa neurologica (tumore, ematoma cerebrale) è a volte all’origine di vomito acuto nel bambino. Nel seguito di un trauma cranico, si può verificare del vomito che potrebbe fare pensare ad un ematoma.

Bisognerà  verificare ed  eliminare una causa tossica: intossicazione alimentare, intossicazione da droghe, prodotto domestico tossico.

 

Se il vomito è datato

Nel primo mese di vita, la prima diagnosi evocata dai medici è la stenosi del pilorica, che si manifesta con il vomito, mentre l’appetito è conservato. Si verifica nelle prime settimane di vita ed è il risultato di un’anomalia nel muscolo (pilorica) che si trova all’uscita dello stomaco. Se L’ultrasuono conferma la diagnosi, il trattamento è chirurgico.

 

Reflusso gastroesofageo. È  la causa principale del vomito nel neonato. Corrisponde al passaggio involontario del contenuto dello stomaco all’esofago. Si manifesta nel neonato dai frequenti rigurgiti che accadono dopo il pasto. Grida o agitazione durante o dopo l’alimentazione da parte del bambino è segno del disaggio causato dall’acidità dello stomaco  che raggiunge l’esofago.

È comunque necessario differenziarlo dal rigurgito normale che si verifica spesso immediatamente dopo il pasto, e non si verificano durante il sonno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *