Quale cocktail vitaminico per combattere la stanchezza invernale?

Stress, troppo lavoro, dieta squilibrata, o patologie invernali mettono alla prova il nostro corpo. Un trattamento vitaminico fornisce una spinta per rimanere d’attacco durante quel periodo di stanchezza transitoria. Quale integratore vitaminico dovresti scegliere? La nostra scelta.

È normale attraversare periodi di affaticamento soprattutto in inverno. Il nostro bisogno di vitamine e micronutrienti sta aumentando per far fronte a possibili infezioni e aumentare le nostre difese immunitarie. Una spinta esterna è quindi il benvenuto.

Cosa c’è in questi complessi multivitaminici?

Questi complessi multivitaminici contengono:

Vitamine B, essenziali per la produzione di energia e la trasmissione di impulsi nervosi;

vitamina C, che contribuisce a l’assorbimento del ferro, la produzione di anticorpi e la cicatrizzazione delle ferite .

Minerali: il ferro che permette ai globuli rossi di trasportare ossigeno; manganese, zinco e magnesio, che sono necessari anche per la produzione di energia e le difese del corpo.

Essenziale per l’equilibrio nervoso e il rilassamento muscolare, il magnesio è indicato quando la fatica è accompagnata da nervosismo, disturbi del sonno o crampi. Nei multivitaminici convenzionali, è spesso presente in piccole quantità e/o sotto forma di sali poco assimilati dal corpo. Per un’assunzione ottimale, preferirlo sotto forma di citrato, bisglicinato o glicerofosfato a un dosaggio sufficiente (almeno 100 mg al giorno), e associato a vitamine del gruppo B che promuovono il suo assorbimento.

Se la stanchezza è già ben consolidata, formule che forniscono dosi più elevate di alcune vitamine del gruppo B e di vitamina C, superando i valori nutrizionali di riferimento (VNR), che corrispondono alle esigenze medie della popolazione in vitamine e minerali. “Queste vitamine, entro i valori massimi consentiti, non sono a rischio di sovradosaggio”, Stiamo attenti a non superare 3 o 4 settimane di trattamento.

Nei casi di stanchezza grave o prolungata (convalescenza), viene aggiunto il ginseng: migliora le prestazioni fisiche e intellettuali durante i periodi di stanchezza prolungata, proprietà riconosciute dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Ci vogliono da 10 a 15 giorni per rendersi conto di quanto sia efficace. Non è raccomandato per problemi cardiaci o di pressione alta scarsamente controllata.

Per i bambini: Oltre a questi componenti anti-affaticamento, vitamina D ottimale è prevista per un buon sviluppo osseo e la crescita. Seguire le istruzioni del produttore: molti riferimenti non sono adatti per i bambini di 12, 15 o anche 18 anni.

Vitamine anti-affaticamento, precauzioni speciali

– Non più di 2 mesi di trattamento di automedicazione negli adulti, 1 mese nei bambini.

– Non combinare più formule per evitare qualsiasi rischio di sovradosaggio di vitamine A e D o ferro.

– Possibili interazioni con alcuni farmaci (alcuni antibiotici, ormoni tiroidei).

– Nessuna controindicazione, ma in caso di insufficienza renale, attenersi al 100% dei valori nutrizionali raccomandati, non di più.

– In caso di malattia cronica (diabete, ipertensione…) e nel bambino, fare il punto con il suo medico.

ti potrebbe interessare:

come proteggersi dai virus invernali?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *