dieta per la perdita di peso è il cervello a decidere del nostro peso e non noi

Attento alla dieta per la perdita di peso: è il cervello a decidere del nostro peso e non noi

Un neurobiologo americano spiega perché le diete non possono aiutare a perdere peso in modo durevole.

“è stato dimostrato molte volte che le diete raramente funzionano a lungo termine e che i loro effetti collaterali sono notevoli.” Quando ho scoperto questa cosa, ho preso una risoluzione per trascorrere un anno intero senza diete, né pesarmi, ma con un’attività fisica ogni giorno. “ora il mio peso rimane stabile.” La storia che Sandra Aamodt descrive nel suo libro perché fanno ingrassare è abbastanza personale.

la sua esperienza ha innescato in questo neurobiologo americano che è diventato un editore scientifico che vuole capire come il cervello regola il peso e per dimostrare l’inutilità delle diete. Così lei ha percorso la letteratura scientifica e fatto tre osservazioni: l’uomo non decide il suo peso, le diete sono condannate a fallire e, per migliorare la sua salute, si deve praticare una attività fisica quotidiana.

“proprio come il corpo ha bisogno di un certo numero di ore di sonno, il cervello ha una ideale  di peso  che si impegnerà a difendere “

 Primo punto. il peso ideale non è quello che il singolo individuo si fissa, ma quello che il cervello decide, sulla base di elementi genetici e le esperienze di vita. “proprio come il corpo ha bisogno di un certo numero di ore di sonno, il cervello ha uno standard  di peso che si impegnerà a difendere per tutti noi”. Questo sistema di regolamentazione è basato nell’ipotalamo, una zona del cervello coinvolta in molte funzioni comportamentali come la termoregolazione, il controllo del ritmo circadiano, o la fame.

Riceve diversi segnali relativi agli stock lipidici, lo zucchero nel sangue, l’assunzione di cibo e agisce in risposta all’appetito o al metabolismo, cioè l’energia consumata in ogni momento dall’organismo per funzionare, al fine di Mantenere un peso corporeo stabile.

Per il cervello non c’è sovrappeso

Questo peso di standard del cervello sarebbe in una gamma di circa cinque chilogrammi. Per le Persone che fanno attività fisica questo peso di riferiemnto tende  piuttosto a scendere verso il basso. Questo peso di riferimento Può aumentare nel corso della vita. Così, una persona che ha una vita sedenadaria che  cresce e rimane in sovrappeso diversi anni vedrà il suo peso di riferimento aumentare, perché il cervello considererebbe il nuovo peso come quello di riferimento. “per il cervello, non c’è sovrappeso, solo un peso stabile da  difendere”, chiarisce Sandra Aamodt.

 

Sfortunatamente, il contrario non è vero e tutte le diete del mondo non saranno in grado di abbassare la soglia del peso di riferimento del cervello. Ciò conduce ad una conclusione che deprimerà più di uno: è molto improbabile di perdere peso in modo durevole con una dieta. Il recupero dei chili è quasi inevitabile nel tempo. “tutti gli studi lo dimostrano senza eccezione,” chiarisce Sandra Aamodt.

Per conoscere questo famoso peso di riferimento, è necessario mangiare solo in caso di fame e di smettere di mangiare una volta sazio. In circa sei mesi, il peso sarà stabilizzato al suo valore di riferimento da parte del cervello. E non importa il valore dell’indice di masse corporea (BMI) che di solito permette di classificare le persone in categorie di peso. Il BMI è calcolato per una popolazione, ma non riflette il peso di riferimento, specifico per ogni individuo, secondo Sandra Aamodt.

Molte persone considerate in sovrappeso  secondo il loro BMI hanno infatti il peso diriferimento  che il loro cervello controlla.

Secondo punto:  Le diete di dimagrimento sono destinate al fallimento. “secondo i dati ottimistici, 80% delle persone che con delle diete perdono  peso lo riprendono negli anni successivi, mentre altri considerano quella percentuale più vicina al 100%”. E ancora, che i chili represi  non sono molto differenti da quelli prima della dieta. “quindici studi a lungo termine tra cui le persone che fanno la dieta mostrano che ci sono più probabilità di diventare obesi rispetto a quelli che non fanno la dieta, soprattutto quando il peso iniziale è normale”, dice Sandra Aamodt.

Uno studio ha avuto luogo anche nel 2012 in 4 000 gemelli di età compresa tra i 16 e i 25 anni per liberarsi dall’influenza genetica e dimostra che una singola cura di dimagrimento  moltiplica il rischio di aumento di peso di due  volte in più per gli uomini e di tre volte in più per le donne.

 

Questo sarebbe spiegato da una reazione del cervello che promuoverebbe l’assunzione e lo stoccaggio di  cibo  in previsione di un nuovo periodo di restrizione, ma anche da un cambiamento duraturo nel metabolismo causato dalla dieta. “il corpo spende meno calorie durante la dieta per salvare le sue risorse e continua a lavorare a quel ritmo quando la persona inizia a mangiare normalmente, fino a quando la persona torn al peso normale di riferimento”.

Uno studio di persone che hanno perso più di 50 kg come parte di un reality show americano ha dimostrato che i cambiamento nel metabolismo sarebbe durati perso almeno sei anni dopo, quando gli individui avevano ripreso indietro 40 kg.

 

Terzo punto  la natura è ben fatta e anche se una persona si sente in sovrappeso mentre  mangia normalmente, lei non beneficerà di una dieta per la sua salute. Uno studio americano condotto nel 2012 con più di 11.000 persone seguite per quattordici anni dimostra che quattro abitudini sono predittive del rischio di morte prematura non importa quanto grande: fumo, inattività, mancanza di frutta e ed eccessivo consumo di alcool. Rinunciare ad almeno tre di queste cattive abitudini permette alle persone obese e in sovrappeso di vivere quanto quelle magre.

Una soluzione per stare al suo peso ideale: fare esercizio fisico ogni giorno e mangiare solo alla sua fame. “in un primo momento ci vuole un sacco di attenzione e di sforzo, perché viviamo in una società di ipersollecitazione alimentare e poi ne prendiamo l’abitudine e le cose sono fatte naturalmente.” “finiamo per non contare più  le calorie e non concentrandosi sul cibo, e questo ci libera del tempo e l’energia per fare tutte le altre attività”,

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *