Gravidanza: come ridurre il rischio di parto prematuro?

donna incitaAlcune complicazioni mediche e situazioni possono aumentare il rischio di parto prematuro, cioè il parto che si verifica prima di 37 settimane di amenorrea. Un bambino nato prematuramente sarà esposto a molteplici possibili complicanze (respiratorio, infettivo, neurologico,…), quindi l’interesse di essere in grado di identificare i fattori di rischio per correggerli anche se in quasi la metà dei casi le cause non sono Identificate. L’obiettivo,  deve essere quello di portar  il più vicino possibile al termine la gravidanza…

Comment identificare i fattori di rischio per il parto prematuro? 

La minaccia di parto prematuro è la causa primaria dell’ospedalizzazione durante la gravidanza e dei parto prematuri. Ma grazie alla cura adeguata la consegna non sarà necessariamente prematura. A volte possiamo anche agire a Monte identificando situazioni potenzialmente rischiose.

Parto prematuro: alcuni fattori di rischio medici

  • un previa della placenta.
  • Un’infezione urinaria o vaginale.
  • Una storia di parto prematuro.
  • una gravidanza gemellata.
  • Una particolare malformazione o morfologia dell’utero (utero bicorno, esposizione a Distilbène…).
  • Una cervice troppo ampia.
  • Un contractibilité particolarmente sensibile dell’utero.
  • Anemia.
  • Diabete gestazionale.

Ci sono molti altri e possono anche accumularsi…

Il rischio di parto prematuro può essere legato alle attività della vita quotidiana:

La dolorosità del lavoro: Porto di ricarica, stazione in piedi…

Viaggi, tra cui lunghi viaggi pendolari sul posto di lavoro, i trasporti pubblici.

Stress e lavoro eccessivo.

Lavori di casa, a maggior ragione nel caso di una grande famiglia, imponendo di moltiplicare le attività senza un ricambio. Consumo di tabacco o di altre sostanze tossiche. Naturalmente, un incidente d’auto o una caduta rappresenta anche situazioni a rischio di parto prematuro.

Come ridurre il rischio di parto prematuro?

Mentre alcuni fattori medici non possono essere corretti, altri possono essere come l’anemia (assunzione di un trattamento di ferro), infezioni del tratto urinario (trattamento antibiotico), diabete gestazionale (dieta da solo o aggiunta di insulina).

È anche possibile cambiare lo stile di vita durante la gravidanza: adattamento della workstation, lavoro da casa per evitare il pendolarismo, pulizie, tata per la cura dei bambini, il relax…

Un arresto del lavoro può anche essere necessario, con il resto che si impone nella prevenzione di una minaccia di consegna prematura.

È possibile consultare un esperto in tabaccologia  che può accompagnarvi e consigliarvi sui sostituti nicotinici (cerotti, gengive…) per ridurre il consumo di fumo durante la gravidanza.

Tutte queste disposizioni devono essere discusse e organizzate con l’aiuto del medico che sta seguendo la gravidanza.

 

Trattamenti (ormonale, antispasmodico…) possono essere messi in atto al fine di prolungare la gravidanza il più vicino al termine, o anche un ricovero o, a volte ancora, ben a Monte, una procedura chirurgica (correzione di una malformazione uterina, Reggiatura del collare).

Quali sono i segnali di avvertimento della consegna prematura?

Una minaccia di consegna prematura è definita dalla coesistenza delle contrazioni uterine dolorose, frequenti e normali e dai cambiamenti nella cervice prima dei 37 settimane di amenorrea.

Altri fattori correlati dovranno essere sistematicamente studiati:

  • Febbre alta.
  • Flusso liquido: perdita di acqua.
  • Sanguinamento vaginale.
  • Scarico vaginale di colore anormale o odore anormale.
  • Mal di testa, vertigini, palpitazioni.
  • Un aumento di peso molto veloce, con gonfiore delle dita e delle caviglie.
  • Dolori di stomaco o nei reni con una sensazione di pressione.
  • Una sensazione che il bambino cresce sulla cervice.

 

Uno di questi segni, e a maggior ragione molti di loro, deve portare a contattare con urgenza il medico che ti sta seguendo, o  andare al pronto soccorso nel reparto ginecologico, un ricovero può rivelarsi necessario.

 

Nota: abbiamo discusso in questo articolo la cosiddetta prematurità spontanea, quella che si avvera in alcune circostanze che sono appena state menzionate e contro le quali si può tentare di lottare per evitare il parto troppo presto.

C’è un altro tipo di prematurità, la prematurità indotta che si prevede, in quanto si tratta di un atto medico volontario indicato in alcune situazioni di emergenza materna o fetale di salvataggio.

 

 

 

questo articolo non ha nessun intenzione di sostituire il vostro medico vi raccomandiamo caldamente contattarlo per qualsiasi necessità.

 

noglu.it tutti diritti riservati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *