I segreti della dieta Zen e dimagrante giapponese

segreti della dieta giaponesei giaponesi vivono il più a lungo e sono meno obesi grazie alla loro dieta
I segreti della dieta Zen e dimagrante giapponese. Con un tasso molto basso di obesità e un’aspettativa di vita più lunga, il Giappone è un modello di salute per tutti. i pilastri principali della dieta giapponese.


Lo stile di vita nipponico  offre un altro modo di cucinare e mangiare. Sul menu, tra gli altri, l’elenco degli alimenti da preferire, il loro modo di preparazione e di cottura, ma anche la scoperta della filosofia Zen.
Meno calorie
Per mantenere un corpo snello e sano, i giapponesi promuovono una dieta ipocalorica naturale, priva di zucchero, formaggi, cibi fritti e dolci. si consume volumi più grandi in termini di quantità, ma con poche calorie, questo ha il vantaggio di soddisfare la vostra sazietà. Ortaggi e altre piante, come konjac, soia e le erbe aromatiche, rappresentano quasi l’80% della loro dieta. Poi vengono i pesci, crostacei e alghe, poi la carne e pollame (meno grassi), il riso e, infine, i corpi grassi come la colza o olio di sesamo. Dolci e dessert sono eccezioni. I giapponesi fanno anche in modo che siano sufficientemente idratati con acqua, tè o sobacha (un infuso di grano saraceno arrostito che drena e disintossica l’organismo).
Non è di consuetudine nella cultura giapponese  contare le calorie. D’altra parte, tutti praticano il “Hara Hachi Bun”, che consiste nel mangiare solo per l’80% della sua fame per garantire il suo comfort digestivo. Per limitare il numero di calorie ingerite, si consiglia anche di mangiare senza alcuna altra attività e preferibilmente in un ambiente tranquillo o amichevole, seduti. “è importante masticare, guardare, sentire e apprezzare il più possibile ciò che si mangia.
dei Contenitori giapponesi, come la ciotola e Bento, consentono di mangiare la giusta quantità di cibo senza calcolare troppo e di mettere più valore su ciò che si mangia e quindi di apprezzarlo di più. Le bacchette hanno anche il vantaggio di “rallentare un po la quantità di cibo che va nella bocca’ e questo consente di concentrarsi sul pasto.

Migliore preparazione degli alimenti
I piatti giapponesi sono sempre molto semplici, fatti da cibi gustosi e il meno denaturato possibile, al fine di mantenere tutti i loro benefici nutrizionali. Oltre alla konjac, la principale attività di salute e dimagrimento della cucina è tradizionalmente composta da prodotti freschi e stagionali, serviti in diversi piatti, in modo sobrio ed estetico. L’arte della tavola in Giappone, chiamata anche “kaiseki”, è inseparabile dall’arte di vivere.
La Cottura ad alta temperatura provoca un’alterazione del cibo e distrugge le vitamine la cucina giapponese è sempre molto veloce. Il wok è ideale per la cottura rapida di verdure al dente conservando vitamine e foglie di carne e pesce perfettamente soffici. Inoltre, le verdure e i pesci sono più spesso consumati crudi, semplicemente tagliati o marinati con aceto di riso, sake e salsa di soia, evitando così l’aggiunta di grassi e la conservazione delle vitamine e dei buoni Omega-3.

l’arte Zen Giapponese
Come i nostri paesi occidentali, i giapponesi sono continuamente sottoposti a stress (popolazione, lavoro, inquinamento). Questo è il motivo per cui coltivano il più possibile la serenità su base giornaliera, soprattutto attraverso la filosofia Zen, che è anche in cucina. “è importante per i giapponesi rispettare il pasto servito prima di consumarlo, osservando il tempo.”
Passeggiate, ciclismo, arti marziali… Per meglio gestire lo stress ed evitare stuzzichini compulsivi, i giapponesi praticano regolarmente l’attività fisica, in modo “naturale e spontaneo per stimolare i muscoli, respirare meglio e rilassarsi ogni giorno. È una questione di igiene della vita. Una semplice passeggiata in un giardino, una sessione di giardinaggio, e il corpo è rinvigorito, in armonia con lo spirito . L’ideale è quello di camminare o in bicicletta da 30 minuti a 1 ora al giorno, così come per praticare uno sport di resistenza due volte a settimana. Attività di rilassamento come la meditazione e massaggi, così come il tempo libero, come origami, calligrafia e l’arte del Bonsai, sono tutti modi per loro di sviluppare uno spirito Zen.

E voilà sapete cosa fare per vivere minimo fino a 100 anni…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *