il quotidiano di Un’intollerante al glutine

“Ho scoperto la mia celiachia nove anni fa. A quel tempo, ero un’infermiera anestesista dell’ospedale. Ero spesso molto stanca, sia fisicamente che psicologicamente. Poi c’è stata un’anemia significativa e problemi di salute immunitaria. Ho consultato diversi medici che dicevano che i miei sintomi erano dovuti allo stress. E infine, un giorno, mi è stata data la diagnosi giusta.

Probabilmente soffro di questa malattia da quando ero bambina. Quando ho riletto la mia cartella  e ho visto “diarrea all’introduzione di cereali” scritto in biaco e nero, è diventato tutto chiaro.

Ero un po ‘persa nell’introduzione della dieta senza glutine

L’unico trattamento è l’esclusione del glutine per tutta la vita. All’inizio è difficile avere una dieta così drastica. Ero un po ‘persa nell’introduzione della dieta senza glutine che deve essere rigorosamente seguita. Alcuni milligrammi di glutine possono causare problemi digestivi, irritabilità, affaticamento… Tra celiaci lo chiamiamo “reagire”.

Nelle settimane successive all’inizio della mia dieta, i miei sintomi sono rapidamente scomparsi. Tuttavia, mi sentivo impotente di fronte all’ignoto. Il problema era principalmente per i pasti presi all’aperto. Lavorando in ospedale, ho pensato che mi sarebbero offerte alternative per il pranzo. Non è così. Devo portare i miei pasti al lavoro ogni giorno.

Ho imparato a mangiare in modo sano e semplice

Il lato positivo, cucino più di prima, soprattutto perché tre dei miei figli sono stati diagnosticati. L’intolleranza al glutine impone una disciplina quotidiana difficile da seguire. Ma in realtà non provo alcuna frustrazione. Ho imparato a mangiare sano e soprattutto semplice. A volte vado al ristorante con mio marito. Questi sono momenti in cui mi lascio andare un po’ .

I miei amici, o, io dico, “coloro che sono rimasti” hanno accettato la mia malattia. Ci invitano regolarmente come una famiglia a cena. Si prendono il tempo di cucinare piatti adattati alla nostra dieta.

C’è una reale solidarietà tra i pazienti

Per quanto riguarda le mie figlie, che sono anche celiache, vivono abbastanza bene con la loro malattia. Ho trascorso una giornata a scuola del mio più giovane per spiegare l’intolleranza al glutine ai suoi compagni di classe.  Abbiamo fatto pane senza glutine e dolci.  È stato un vero successo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *