Incontinenza urinaria anche gli uomini

Le perdite urinarie non sono limitate alle donne. Anche se il rischio di incontinenza è due a tre volte meno negli uomini, ne soffrono anche loro.

Le cause principali possono essere l’età, ma soprattutto dopo operazioni chirurgiche della prostata o ictus come le conseguenze della malattia cardiovascolare. L’incontinenza urinaria negli uomini non dovrebbe più essere tabù.

Incontinenza urinaria 1 uomo per 3 donne

In relazione all’incontinenza urinaria, le donne e gli uomini sono disuguali. Questi ultimi non hanno il rischio principale connesso con la gravidanza ed il trauma ostetrico. Per quanto riguarda l’incontinenza nel senso stretto di perdita di urina, la sua prevalenza media nelle donne è 13,1%, rispetto al 5,4% negli uomini, tutte le età *.

Tuttavia, l’avvenimento frequente di “gocce ritardate” negli esseri umani spesso è classificato erroneamente come incontinenza, mentre è piuttosto un problema dell’evacuamento dovuto ad un flusso basso dell’urina, che allora stagna nel canale dell’uretra. Alla fine, tenendo conto delle perdite urinarie così come tutti i sintomi di annullamento (emergenze/urgenza, sensazioni di bruciore, gocce tardive, poliuria/urina abbondante, frequenza/alta frequenza di minzione, nicturia/ Urinare frequentemente di notte…), uomini e donne sono su un piano di parità (rispettivamente 62,5 e 66,6%).

In entrambi i sessi, l’età è la causa primaria di incontinenza urinaria, ma a differenza delle donne, si verifica soprattutto in circostanze patologiche negli esseri umani.

l’incontinenza può verificarsi a seguito di operazioni chirurgiche sulla prostata, come la prostatectomia radicale (ablazione della prostata per il cancro prostatico) e resezione Prostatico (adenomectomia, nel caso dell’iperplasia benigna della prostata), senza riguardo a se è stato effettuato dalla resezione transuretral della prostata (allargamento del canale dell’uretra al livello prostatico tagliando i piccoli trucioli di tessuto Prostatico attraverso un processo elettrico), da chirurgia aperta o laser (enucleation o vaporizzazione).

 

Il secondo gruppo di possibili cause sono le malattie neurologiche (morbo di Parkinson, demenza, sclerosi multipla, incidenti trauma come una frattura pelvica, ictus…).

Vescica iperattiva l’incontinenza più comune negli esseri umani

La stragrande maggioranza delle perdite negli esseri umani si dice da incontinenza (voglia di urinare). Questo è indicato come incontinenza da vescica iperattiva. È molto più comune con l’età avanza, dal 40-45% della popolazione a circa 75 anni rispetto al 10% prima di 55 anni.

Intorno all’età di 60 anni, le curve del sesso si invertono cioè gli uomini diventano più probabili che soffrano d’incontinenza rispetto alle donne. Ciò è dovuto alla maggiore prevalenza tra i maschi di fumo e malattie cardiovascolari.

Incontinenza da stress

Da parte sua, l’incontinenza da stress è la perdita di urina durante uno sforzo violento, una tosse, portando carichi pesanti, un’attività fisica, ecc È dovuta ad una mancanza dello sfintere della vescica. Si trova in uomini relativamente giovani, a seguito di operazione della prostata e in particolare la prostatectomia radicale. Anche le migliori squadre chirurgiche o di robot con  chirurgia assistita hanno tassi di incontinenza urinaria  tra il 5 e l’8% per le forme gravi, cioè quelli che non sono stati ridotti dalla riabilitazione perineale. Tutte le fasi di incontinenza, le cifre sono circa 35-40%.

Per adenomectomia d’altra parte, negli uomini più anziani, il tasso di incontinenza grave è molto più basso, solo nell’ordine dell’1%.

non dobbiamo esitare a consultare urologi specializzati nel trattamento dell’incontinenza. anche se seguiti da un urologo specializzato in oncologia o un oncologo, perché lui, sarà molto preoccupato per la cura del cancro, non necessariamente prenderà tutte le misure del disagio causato dalla perdita urinaria.

Il primo dei trattamenti rimane la riabilitazione del perineo (Périnéo-sfintere). Se non fa un miglioramento reale verso la perdita urinaria, una vasta gamma dei farmaci e di oprazioni possono essere considerati, in base al tipo di incontinenza.

 

Fonte: * Urologia europea 50 (2006) 1306-15

 

noglu.it tutti diritti riservati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *