La Sauna Ridurrebbe il Rischio di Ictus

sauna ridurebbe il rischio di ictusAndare alla sauna più volte a settimana sarebbe abbastanza buono per la salute, in quanto ridurrebbe il rischio di ictus. Questo è ciò che emerge da uno studio scientifico finlandese.
È prestato 1001 virtù, ma è anche sconsigliato a persone affette da gambe pesanti, a rischio di flebite o anche avere problemi di cuore (stenosi aortica, ipotensione…).

Tuttavia, la sauna avrebbe un effetto preventivo sul sistema cardiovascolare: ridurrebbe il rischio di incidendi vascolari – cerebrali   secondo questo studio finlandese.

Pubblicato sulla rivista Neurology, questo studio si è concentrato su 1 628 uomini e donne di età compresa tra 53 a 74 anni, che non hanno mai avuto un ictus prima dall’inizio dello studio. Tutti i partecipanti hanno riferito il loro indice di massa corpea (abbreviato IMC o BMI, dall’inglese body mass index) e altre informazioni come , l’uso di alcool e tabacco, pressione arteriosa, livelli di lipidi nel sangue, e altre caratteristiche che potrebbero influenzare la salute cardiovascolare. I partecipanti sono stati seguiti per un periodo medio di quindici anni.

Dopo aver regolato i vari fattori di dello studio, i ricercatori hanno scoperto che, rispetto a quelli che vanno alla sauna una volta alla settimana “solo”, quelli che vanno due o tre volte alla settimana hanno avuto un rischio di ictus ridotto del 12%. Per quanto riguarda i partecipanti che vanno alla sauna quattro a sette volte alla settimana, hanno visto il loro rischio di ictus ridotto del 62%!

Va notato, tuttavia, che , lo studio è stato condotto solo su finlandesi, che non hanno lo stesso stile di vita di tutta la popolazione mondiale (e che anche Molto spesso hanno una sauna a casa!).

Tuttavia, ci sono buone ragioni per credere in questo effetto benefico della sauna per il sistema cardiovascolare, in quanto ciò ridurrebbe la pressione e la rigidità arteriosa.
Si raccomanda comunque cautela per chi non è abituato alla sauna: si consiglia di iniziare con sedute di pochi minuti, per poi aumentare la durata, senza mai superare i 15 minuti di fila.

fonti: new york time; rivista Neurology

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *