Sensibilità al glutine: la sua esistenza è scientificamente provata

I ricercatori americani hanno condotto uno studio su 59 pazienti per capire se realmente  soffrivano di sensibilità al glutine, senza esserne intolleranti.

Dopo lunghi dibattiti, la comunità scientifica ha finalmente riconosciuto l’esistenza di una sensibilità al glutine in alcune persone, senza parlare di intolleranza. Tuttavia nessuna prova ancora era stata fornita per corroborare questa affermazione. Fino ad oggi.

L’intolleranza al glutine, o la malattia celiaca, è una reazione autoimmune dell’organismo indotta da un antigene, gliadina, che causa le lesioni dell’intestino quando il paziente consuma gli alimenti a base di glutine una proteina presente nei cereali . L’unico trattamento è quello da seguire una dieta rigorosa senza glutine  e molto restrittiva per la vita.

Tuttavia, coloro che soffrono dalla sensibilità al glutine ricevono un risultato negativo nel test di malattia celiaca e spesso sono identificati come “difficili” o come persone che vogliono seguire una dieta senza glutine senza esserne malatte.

Prove innegabili
I ricercatori dell’Istituto nazionale americano di salute volevano vedere più chiaramente. Hanno quindi condotto uno studio su 59 pazienti che non soffrivano di intolleranza al glutine ma che sostenevano di avere difficoltà a digerire questa proteina. Ogni giorno, hanno consumato una pillola contenente cinque grammi di glutine o di un placebo a base di riso, non sapendo quale dei due che stavano per ricevere.
Dopo una settimana, coloro che avevano preso le pillole di glutine soffrivano di dolore intestinale, gonfiore, una sensazione di nebbia, depressione e ulcere dello stomaco. Questi risultati sono la prova indiscutibile di sensibilità al glutine, secondo gli autori dello studio. Buone notizie per i malati che si lamentavano di una mancanza di riconoscimento.
Tuttavia, per una persona che non soffre di intolleranza o di sensibilità al glutine, eliminando questa proteina dalla sua dieta si è avverato completamente inutile.

 

fonte:  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25701700

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *